Dalla salute dell’intestino, come sappiamo, dipende la salute e il benessere di tutto l’organismo. Infatti, non solo l’intestino comporta l’assorbimento delle sostanze nutrienti e completa il processo della digestione, ma svolge un ruolo molto importante nel mantenimento di un buon equilibrio psicofisico ed è fortemente correlato al sistema nervoso.

 

La prova è che nei momenti in cui ci si sente particolarmente stressati o nervosi, si presentano frequentemente mali di pancia e difficoltà di digestione. Ciò significa che, mantenendo l’intestino ben pulito, si riducono anche i sintomi dovuti a forme di colon irritabile causate da motivi di vario genere.

 

Oggi praticamente tutti soffrono di disturbi di questo tipo, provocati dallo stile di vita spesso stressante, e da un’alimentazione non corretta, dove abbondano i grassi e gli zuccheri mentre i prodotti freschi e naturali sono scarsi. Per ridurre e prevenire i più frequenti problemi intestinali, dolori, gonfiori, diarrea e stitichezza spesso anche alternate, il lavaggio intestinale è uno dei trattamenti migliori, considerando inoltre che non prevede l’uso di prodotti farmacologici.

 

Richiedere un trattamento di www.idro-colonterapia.eu periodico, o comunque quando si verificano problemi e malesseri, è la soluzione ideale per migliorare il proprio stato di benessere, eliminare le impurità che di solito si accumulano nell’intestino e proteggersi non solo dagli attacchi di colite ma anche da molte altre patologie correlate, ad esempio le cistiti, le infezioni da candida o addirittura il mal di testa.

Perché e quando sottoporsi all’idrocolonterapia

 

In realtà, il lavaggio intestinale non è una novità, ma appartiene ad una lunga tradizione medica. Era notà già alla civiltà egizia e, successivamente, compare negli scritti di Ippocrate. Anche tra i rimedi tradizionali che noi conosciamo da lungo tempo, il clistere rappresenta un ottimo rimedio per rimettere in funzione l’organismo e per prevenire i problemi di digestione le coliti.

 

Con l’idrocolonterapia, il paziente viene sistemato in un luogo confortevole e riservato, pur essendo costantemente monitorato dagli operatori, e può regolare in autonomia il flusso dell’acqua. L’acqua usata per il lavaggio intestinale ha una temperatura di circa 37 gradi ed è del tutto sterile e pura, senza alcuna aggiunta di prodotti farmacologici.

Di Grey